Cascina Faletta dal 1881

Fascino e mistero. Non se ne ha certezza, ma è probabile che Cascina Faletta sia stata costruita nel 1881. A suggerirlo è la targa originale in ceramica che riporta questa data, posta ancora sul portale d’ingresso. Un primo elemento che annuncia la precisa volontà dei proprietari, Elena Novarino e Giovanni Rosso: preservare le tracce del passato. Una ristrutturazione meticolosa, per esempio, ha permesso di dare nuova vita a pavimenti e soffitti dell’epoca.

Anche gli arredi, selezionati uno a uno da Elena, sono datati. Il recupero come modus operandi testimonia il rispetto per l’anima di Faletta. Un luogo che non può prescindere dalla sua storia, dai personaggi che nel tempo l’hanno abitata, come la Marchesa Virginia ritenuta la prima proprietaria.

Un luogo circondato da terreni vocati alla viticoltura: un documento attesta che già nel 1957 Faletta venne premiata con 500 mila lire poiché ritenuta azienda vinicola d’eccellenza. Oggi come allora, il viaggio nello straordinario mondo del vino prosegue. E, come si conviene, ogni bottiglia è una citazione del passato. Visitando la pagina Vini, scoprirete perché. Come, del resto, troverete preziose testimonianze nelle sezioni che riguardano l’agriturismo e il ristorante.

Ciò detto, l’amore e il profondo rispetto per il passato non hanno impedito a Elena e Giovanni di dotare Cascina Faletta delle più moderne tecnologie. Fiore all’occhiello, l’impianto di domotica. Un sistema che consente di gestire e regolare in modo intelligente tutte le apparecchiature della struttura, dalle luci al clima.